Ricarica mangiapannolini a basso costo

Ho già brevemente recensito questo accessorio a mio parere molto utile, nell’articolo Il mangiapannolini e dopo 20 mesi di uso intensivo mi sono posta una questione: è davvero necessario acquistare le ricariche originali, visto che sono piuttosto costose?

Sono una mamma attenta al risparmio, ma che non vuole rinunciare alla comodità di questo accessorio, quindi mi sono messa alla ricerca di una soluzione.

La prima alternativa che mi è comparsa sul web è stata la ricarica non originale, ossia un sacchetto unico,di lunghezza variabile che si può utilizzare con una ricarica vuota originale: nel caso del modello Mangiapannolino, un sacco da 200m dovrebbe assicurare 28 ricariche.
Requisiti indispensabile per poterla utilizzare: un rotolo di cartone della misura giusta della ricarica, così da agevolare l’inserimento del sacchetto (si possono trovare sacchi già muniti di questo rotolo); una ricarica originale vuota, ma con la parte superiore (la ghiera) rimovibile.
La Foppapedretti, forse accortasi di questa possibilità a buon mercato per riciclare le sue ricariche, ha da qualche tempo messo in commercio ricariche a blocco unico.

Proprio quest’ultimo particolare (ho solo ricariche monoblocco) mi ha fatto approdare alla seconda alternativa, ancora più semplice e alla portata di tutti.

  1. Ho comprato dei comuni sacchetti per la spazzatura (vedi immagine) misura 70×110 al supermercato, assicurandomi che fossero abbastanza resistenti e di buona qualità.
  2. Ho inserito il sacchetto nel Maialino aperto.
  3. Ho chiuso il mangiapannolini fancendo passare sopra il sacco, attraverso la fenditura a molla.
  4. Ho inserito la ricarica vuota e ho sistemato con cura il bordo superiore del sacchetto all’interno della stessa
  5. Ho riposizionato il coperchio e usato il mio fedele divoratore di pannolini sporchi come di consueto.

Il sistema funziona perfettamente da mesi, non si sentono odori e non ho notato nessuna differenza con le ricariche originali, se in termini economici.

Buon risparmio a tutti!


Un consiglio: una volta pieno, per non lasciare uscire l’odore sgradevole durante la sostituzione del sacco, aprite la il corpo centrale come avreste fatto con una ricarica originale, chiudete con le mani il sacchetto e usate il cutter interno per tagliarlo e toglierlo dal contenitore; buttate poi la piccola parte di sacco avanzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...